Ricordi, quotidiana memoria

A nonna Fausta, detta Maria.

Ci abbandonano in questo periodo, silenziosamente, l ultima fonte di testimonianze dirette dell’ultima grande guerra mondiale. Ricerco i segni del loro radicamenti del passato e del presente nel loro territorio.  Dopo oltre 70 anni è facile dimenticare che la guerra, una delle peggiori degenerazioni della civiltà, si è svolta proprio sulla terra dove stiamo camminando. Fatti che ai più sembrano lontani sono in realtà parte della memoria di persone che potremmo incontrare per strada. La storia in fondo è un insieme di piccole memorie il cui insieme forma la narrativa collettiva. Questo è la testimonianza del mio piccolo viaggio attraverso momenti quotidiani e ricordi.